Prisma | Le Tecnologie
2152
page,page-id-2152,page-child,parent-pageid-2145,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,ajax_fade,page_not_loaded,smooth_scroll,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9,vc_responsive
   
Le Tecnologie
La Sperimentazione   »   e-Health   »   Le Tecnologie
Banca Dati Assistito

Supporto alla Governance sanitaria


Strumento a supporto del Knowledge Management per la Sanità è la Banca Dati Assistito (BDA), che raccoglie informazioni relative al paziente provenienti da diversi flussi informativi (schede di dimissione ospedaliera, prescritto specialistico e farmaceutico, anagrafica).

L’impiego di strumenti di “Business Intelligence as a Service” consente di individuare nuove modalità di aggregazione dei dati sanitari, al fine di fornire supporto alla governance sanitaria e disporre di dati che consentono di conoscere la distribuzione e la frequenza di patologie.
I vantaggi derivanti dall’utilizzo della Banca Dati Assistito consistono nel:

  • ottimizzare il processo di diagnosi;
  • monitorare più efficacemente l’evoluzione epidemiologica delle patologie croniche;
  • incrementare l’incidenza della prevenzione;
  • sperimentare un approccio epidemiologico per patologie misconosciute, soprattutto in pazienti a rischio di malattia renale cronica, scompenso cardiaco, diabete e malattie neurodegenerative.
  • razionalizzare l’assistenza pubblica
  • ridurre gli sprechi di spesa pubblica
  • ridurre il ricorso all’ospedalizzazione

Personalizzazione dell’assistenza sanitaria

Valutare la Qualità della Vita

L’esigenza di mantenere un servizio assistenziale efficiente e con elevati standard qualitativi, unita all’aumento di soggetti affetti da malattie croniche, hanno condotto verso l’erogazione di un servizio personalizzato di assistenza sanitaria, che vede il diretto coinvolgimento del paziente, in una prospettiva di empowerment.
La personalizzazione dell’assistenza sanitaria mira al monitoraggio della qualità della vita del paziente, con particolare riferimento a soggetti affetti da malattia renale cronica. La valutazione della qualità della vita (QdV) nel percorso di cura del paziente nefropatico si basa su variabili strutturali e psicologiche del paziente, a partire dalle quali si individua il trattamento dialitico più idoneo. In particolare, considerando non solo aspetti quantitativi (anni di sopravvivenza, numero di recidive, percentuali di guarigione) ma anche bisogni, problematiche socio-ambientali, familiari o psicologiche si apportano benefici al paziente, che ritrova energie e motivazione per affrontare il trattamento dialitico.
Le modalità di valutazione della qualità della vita di un soggetto prevedono:

  • Valutazione clinica dello stato di salute del paziente, realizzata dai medici al fine di stabilire il grado di benessere fisico e psichico, la disabilità e l’efficienza lavorativa;
  • Valutazione soggettiva, definita dal paziente tramite compilazione di appositi questionari relativi alla propria condizione di salute.

Qualità della vita

Questionari di valutazione


I questionari di valutazione permettono al paziente di esprimere in modo chiaro il proprio stato di salute e, allo stesso tempo, al medico di ottenere informazioni precise e dettagliate sulle condizioni del paziente.
Si distinguono due tipologie di questionari:

  • Generici: offrono l’opportunità di utilizzo in vari contesti, sia con pazienti che con soggetti sani. Tuttavia, la loro genericità, non consente di cogliere lievi modifiche della qualità di vita di soggetti con particolari patologie o per specifici domini;
  • Specifici: orientati alla valutazione di una determinata problematica (patologia o disturbo) presentata dal soggetto, contengono dettagli e facilitano la determinazione della qualità di vita del paziente. Tuttavia, la loro specificità non permette confronti tra casi caratterizzati da condizioni differenti.

I dati inseriti nel questionario, somministrato periodicamente al paziente, sono inoltrati direttamente al servizio di Nefrologia di competenza. Il paziente è monitorato nel tempo e collocato nelle rispettive fasce di rischio. In tal modo, si valuta l’efficacia terapeutica e sociale del trattamento e si progetta l’eventuale modifica della stessa.

Diario della Salute

Monitoraggio della Quality of Life

Il Diario (o Taccuino) della Salute ha la finalità di raccogliere le informazioni relative allo stato di salute dei pazienti con malattia renale cronica, in dialisi peritoneale o emodialisi domiciliare, e dei pazienti trapiantati in follow up.
Erogato in modalità Software as a Service (SaaS), il Diario della Salute è lo strumento utilizzato dai medici per monitorare in maniera continua la “Quality Of Life” del paziente.
Le informazioni raccolte derivano da:

  • indicatori specifici, calcolati sulla base delle informazioni inserite dal personale sanitario;
  • questionario EuroQol-5D-5L(EQ-5D-5L), compilato dal paziente e utilizzato come strumento di indagine per individuare soggetti da includere in percorsi terapeutici specifici.

La disponibilità di accesso al Diario della salute, permette al paziente di essere costantemente informato sul proprio stato di salute ed è incoraggiato a svolgere un ruolo attivo nella gestione della sua condizione (empowerment del paziente).